Mi ha scosso, non che tu mi abbia mentito, ma che io non ti creda più. (Friedrich Nietzsche)

Le distorsioni cognitive implicate nel sentimento di fiducia
FIDUCIA: fidùcia s. f. [dal lat. fiducia, der. di fidĕre «fidare, confidare»] (pl., raro, -cie). Atteggiamento, verso altri o verso sé stessi, che risulta da una valutazione positiva di fatti, circostanze, relazioni, per cui si confida nelle altrui o proprie possibilità, e che generalmente produce un sentimento di sicurezza  e tranquillità (Treccani).

Questa la definzione di FIDUCIA, ma la fiducia è anche e soprattutto un sentimento che consiste nell'investire determinate aspettative di adeguatezza nel proprio o nell'altrui comportamento, un sentimento influenzato dalle proprie esperienze pregresse, dalle valutazioni di sè e degli altri costruita nel tempo e soprattutto dalle interpretazioni e dalle letture del mondo che ognuno di noi ha acquisito.
La fiducia è un sentimento che ci appartiene fin da piccoli, ma che poi ha bisogno di spazio per crescere e mantenersi, che ha necessità di essere capito e sperimentato...non troppa fiducia senza valutazione, non poca fiducia su valutazioni distorte ed arbitrarie...è una sensazione che necessita di un suo equilibrio, come la ricetta di una fragranza cercata per anni...non troppo sandalo, non poca cannella, un pizzico di cacao ed il giusto boquet di rose.

Mi piace pensarla cosi la fiducia, come un punto di arrivo dopo tante prove ed errori, come un traguardo in grado di renderti libero e coraggioso nell'affrontare la vita. Si perchè per avere fiducia bisogna avere coraggio e per avere coraggio bisogna anche avere fiducia, è necessario "confidare negli altri", "avere un atteggiamento positivo verso sè e verso tutti gli altri", investire nelle capacità di ognuno di far fronte all'evento, di rispondere in maniera adeguata alle richieste della vita.

La FIDUCIA è uno di quei sentimenti che ho visto spesso sbilanciati all'interno della mente delle persone, mi è capitato di incontrare persone con "una cieca fiducia nel prossimo o in loro stessi" che pur essendo entusiasmante, spesso si è rivelata priva di corrette valutazioni ed amnesica di ricordi anche recenti. 
Altre volte ho incontrato persone con "una sfiducia disarmante"anche laddove un ancoraggio più solido della realtà avrebbe mostrato evidenti segnali di errore, persone non in grado di leggere la possibilità di gioia nemmeno se gli fosse rovinosamente caduta addosso.

Entrambi gli scenari sembrano caratterizzati dalla distorsione nella lettura degli eventi e del mondo, da un'interpretazione rigida e monotematica della vita, per sè e per gli altri, si sprecano le catastrofizzazioni: " sicuramente mi bocceranno all'esame e questo mi impedirà di laurearmi in tempo...sarò in ritardo su tutto..", le generalizzazioni : "le persone non vogliono mai aiutarti, se lo fanno è per un loro interesse personale", addirittura qualcuno si improvvisa come lettore del pensiero : " mi ha detto così perchè pensa che io non sia in grado di farlo", qualcun altro invece minimizza : " ma si, se anche accetto questo invito dopo che mi ha trattata da cani non succederà nulla di grave".
Ognuno è rigidamente agganciato alla propria distorsione cognitiva, quella distorsione di pensiero che ti crea dei cassetti mentali dove pensi di aver capito tutto, dove incaselli le tue letture del mondo pensando cosi di esser più sicuro, pensando cosi di proteggerti dalle delusioni, non comprendendo invece che lo stesso cassetto è l'artefice della tua difficoltà a credere in un finale diverso, è il responsabile della tua infelicità laddove un'esperienza ti deluda, ogni cassetto che ti costruisci è un attentato al sano sviluppo della fiducia.

Le distorsioni cognitive non sono altro che modalità disfunzionali di interpretare le esperienze, degli errori procedurali sistematici utilizzati nei processi di valutazione e giudizio (Beck Et al. 1979), ma nella mia esperienza la "più dura a morire" e che sembra minare in maniera profonda lo sviluppo del sentimento della fiducia, è il PENSIERO DICOTOMICO
Il pensiero dicotomico è la tendenza ad elaborare le esperienze e la realtà atttraverso un atteggiamento "tutto o nulla", privo di sfumature e gradazioni, dove l'individuo si crea un suo sistema di lettura della vita e delle esperienze estremamente ridotto e che non tiene conto delle proprie capacità di apprendimento, delle diverse personalità e soprattutto del diverso scenario relazionale che si puà creare tra individui, è appunto il vero cancro della fiducia. 

Il PENSIERO DICOTOMICO è una specie di paraocchi che ti impedisce di guardare oltre a ciò che hai davanti, ti impedisce di guardare in altre direzioni, togliendoti così 
l'opportunità di costruirti una lettura diversa della realtà, impedendoti di vedere altre strade laterali che possano farti stare meglio o che ti possano alleggerire dalle  fatiche, ostacolando la possibilità di incontrare mani gentili ed oasi di ristoro, ti tiene fisso a quella strada rendendo impossibile l'AVERE FIDUCIA (in fin dei conti di cosa mi dovrei fidare se non vedo niente altro?).

Bisognerebbe tutti riuscire a tornare un pò bambini, quando ancora il paraocchi non esisteva, quando la FIDUCIA era un sentimento che strabordava, che ti permetteva di non avere paura quasi di niente, che ti rendeva sempre felice, curioso, speranzoso, divertito, quando la tua esperienza del mondo era cosi breve che nessuna distorsione cognitiva poteva farsi spazio.
Quando ti approcciavi a tutto con curiosità....e se oggi ti fermi un attimo a pensare.... è esattamente quella fiducia lì che dovresti provare a ritrovare, dimenticandoti di ciò che hai 
appreso, ma facendo tutto come se fosse la prima volta.

Studio di Psicologia Clinica e del Lavoro
Dr.ssa Galuppi Laura
Psicologa e Psicoterapeuta Cognitivo Comportamentale
www.lauragaluppi.it


Ultimi articoli pubblicati

Mi ha scosso, non che tu mi abbia mentito, ma che io non ti creda più. (Friedrich Nietzsche)
Le distorsioni cognitive implicate nel sentimento di fiducia

Narcisimo e co-dipendenza
La co-dipendenza nella relazione con una personalità di tipo narcisistico

I fattori famigliari di mantenimento nei pazienti con Disturbo Ossessivo compulsivo
Essere genitori e vivere con un figlio affetto da Disturbo Ossessivo Compulsivo

OSSESSIONI E COMPULSIONI
Intervista

L`OSPITE INDESIDERATO
Perchè un articolo sul Disturbo Ossessivo Compulsivo ?

Il Lutto non risolto
Sintomi e segni di un lutto complicato

Note legali: Il sito wwww.lauragaluppi.it ha mero carattere informativo e non ha l'obiettivo di offrire consulenze on-line e/o pareri clinici individuali. In particolar modo non e' assolutamente sotituibile ad un parere diagnostico dello specialista. Il materiale contenuto potrebbe presentare imprecisioni ed un incompleto approfondimento degli argomenti trattati, in quanto ha il solo scopo di generica divulgazione e di breve presentazione dell'attivita' professionale...continua